PROGETTO “La Voce dell’Afasia”

Premessa

Il progetto che presentiamo, realizzato dall’associazione “Musica e Cura” A.P.S. in collaborazione con il “Presidio Sanitario San Camillo” di Torino, nasce dalla volontà di offrire alle persone che hanno subito un Ictus con un’afasia, l’opportunità di riprendere o cominciare un percorso di riabilitazione (in questo caso musicoterapico) inserendosi in un adeguato contesto sociale, culturale e umano. L’obiettivo dell’iniziativa è dare la possibilità, a persone che hanno concluso i trattamenti legati al progetto riabilitativo, di non entrare in quella fase di isolamento sociale a cui spesso assistiamo, e fare ancora qualcosa per migliorare le capacità di linguaggio e comunicative.

Al fine di raccogliere i fondi per il progetto, l’Associazione Musica e Cura ha organizzato vari eventi e prodotto un CD audio con tracce di musicisti dell’area torinese, che hanno partecipato alla rassegna concertistica “Musica in Ospedale” e che si svolge mensilmente presso i locali del Presidio Sanitario San Camillo. L’impegno nel raccogliere ulteriori fondi sarà continuativo e rapportato ai bisogni dell’attività.

Modalità di attuazione

n° di persone incluse: da 25 a 30

Criteri di inclusione: Persone con afasia non fluente, con comprensione sufficientemente risparmiata e buono span attentivo. All’ingresso, prima delle valutazioni, si svolgerà un colloquio informale con “paziente” e parenti.

Valutazioni: in ingresso delle facoltà residue (test) e successiva rivalutazione. Per chi parteciperà continuativamente è prevista una valutazione ogni sei mesi circa. I test che verranno utilizzati sono i seguenti:

  I.       linguaggio (AAT - Aachener Aphasie Test),

  II.      Test dell’aprassia bucco-facciale,

  III.     Test per l’attenzione (Matrici Attentive),

  IV.      Test per la memoria (test di Corsi),

  V.       Questionario sulla qualità di vita.

 

Attività di riabilitazione: verranno formati gruppi di circa 6 persone, con un incontro settimanale di 45 minuti per ogni gruppo. Il training vocale, sviluppato sulle basi della “Modified Melodic Intonation Therapy” , considera i seguenti punti come obiettivi intermedi:

   Produzione di vocali cantate (suoni lunghi)

   Modulazione suoni spontanei (forma comunicativa spontanea attraverso suoni vocalici)

   Produzione cantata (aspetto melodico)

   Pronuncia cantata (su canzoni conosciute)

   Sillabe intonate

   Parole intonate

   Sillabe parlate

   Parole parlate

   Controllo della dinamica

   Canzone parlata su impulso ritmico

   Dialogo verbale su melodia

   Dialogo verbale su ritmo

 

Attività di Canto corale: l’attività corale si svolgerà una volta a settimana per 90 minuti. L’attività prevede la formazione di un repertorio di vari generi, con utilizzo di melodie conosciute, modificate, a canone, a due voci ecc. Sono previste esibizioni concertistiche con cantante solista professionista, gruppo musicale dal vivo e coro.

 

 

 

Durata del progetto

Si prevede un’attività continua, con interruzione da giugno a settembre, salvo problemi di finanziamenti.

 

Costi a carico dei partecipanti

Viene richiesto un contributo di € 100 all’anno (da ottobre a giungo) compresivi di tessera associativa. Saranno inoltre a carico dei partecipanti eventuali spese di trasporto.

 

Coordinatori del progetto

Supervisore del progetto:            Prof. Scarpa Maurizio          (musicista-musicoterapeuta)

Responsabile scientifico:             Dott.ssa Piccardo Demetra  (psicologa-musicoterapeuta)

Responsabili area riabilitativa:   Dominici Manuela               (musicista-musicoterapeuta)

                                                      Miola Elisa                           (musicoterapeuta)

Resposabile area corale:              Del Genio Paola           (cantante-musicoterapeuta)

 

Contatti

Mail:

info@musicaecura.com

mauri.scarpa59@gmail.com

Tel.

Maurizio Scarpa: 340 8443841

Manuela Dominici: 345 7747265